Stampa Stampa

L'Associazione Modi di Dire, ha partecipato alla richiesta di finanziamento del Progetto “Aiutami a comunicare” attraverso l’adesione al Bando “Percorsi di Innovazione” promosso dal Cesvot - Centro Servizi Volontariato Toscana.

Questo Progetto sostenendo presupposti di innovatività, di rispondenza dei bisogni del territorio e d’integrazione della programmazione Regione-Enti Locali ha quindi ottenuto il finanziamento, ovvero i fondi necessari per l’espletamento attivo dello stesso.

Il Progetto “Aiutami a comunicare” è un percorso rivolto ad un gruppo di minori disabili, residenti nella Regione Toscana, privi delle capacità di linguaggio verbale necessitanti di modalità di Comunicazione Aumentativa Alternativa (CAA) ovvero di strategie utili al sostegno  comunicativo-relazionale e funzionale degli stessi e all’integrazione - partecipazione nel loro contesto di vita.

La cultura della CAA ci ha portato delle evidenze molto importanti in questi anni dimostrandoci che quanto più un bambino risulta essere deficitario di strategie di comunicazione (verbale-gestuale) necessarie a rispondere alle spinte evolutive, tanto più il suo sviluppo potrà avere effetti negativi a catena sulle competenze relazionali, cognitive-sociali, e funzionali.

Inoltre, attraverso il sostegno (anche molto precocemente) con sistemi di CAA, la positività degli effetti sulle diverse aree di sviluppo sarà tanto più incisiva e trainante sia sulla funzione comunicativo-verbale che  globalmente su tutta la crescita del bambino.

L’adesione a progetti di CAA implica purtuttavia la partecipazione integrale dei diversi partner comunicativi: i genitori, i familiari, gli insegnanti, gli educatori, gli amici, (che chiameremo facilitatori) …ovvero tutte le persone significative per il bambino con bisogni comunicativi speciali, le quali necessitano di un percorso ad hoc implementato e rispondente alle competenze del piccolo.

Per poter far questo è necessario, oltre allo studio delle abilità del soggetto, anche l’analisi del contesto di vita - bisogni e potenzialità -  utile sia nella fase di costruzione del progetto di comunicazione, che dell’introduzione di aggiustamenti necessari a sostenere i cambiamenti e la crescita dell’individuo e della sua rete di relazioni.

Il Progetto “Aiutami a comunicare” si inserisce dunque in questo percorso, dalla fase della valutazione del bisogno comunicativo all’interno dei contesti di vita all’implementazione di strategie operative pensate con il bambino ed i suoi facilitatori. Il Progetto prevede l’iniziale costituzione di un Team multidisciplinare di persone in possesso di specifiche competenze di CAA, che prenderà quindi in carico i singoli bambini organizzando per essi percorsi personalizzati orientati a coinvolgere attivamente (per ogni soggetto) la rispettiva ASL (NPI, Terapisti, Logopedisti, ..) di riferimento, la Famiglia, gli Operatori scolastici e/o territoriali.

Il Sito del Progetto

I NUMERI

Grazie al finanziamento ottenuto a partire da Gennaio 2010 l’associazione ha avviato ill Progetto Aiutami a Comunicare.


Il progetto ha coinvolto

  • 15 bambini/ragazzi residenti in Toscana, privi di linguaggio verbale ed i loro operatori di riferimento;
  • un gruppo multidisciplinare di 30 operatori e formatori specializzati nella CAA;
  • l’Azienda USL 4 Toscana;
  • Centro Territoriale Handicap;
  • la Direzione Didattica 4° Circolo ;
  • l’ANFASS Prato Onlus;
  • l’Associazione Progetto Futuro Onlus;
  • l’Associazione Or.S.A. Onlus.


Il progetto ha previsto:

  • Formazione specifica;
  • Coordinamento delle attività svolte dai diversi professionisti;
  • Interventi di C.A.A. diretta ai soggetti disabili.

IL PROGETTO IN SINTESI

Il presupposto di base di tale progetto risiede nel fondamento che quanto più il disabile risulta deficitario di strategie comunicative (verbale-gestuale), indispensabili a rispondere alle spinte evolutive, tanto più il suo sviluppo potrà mostrare effetti negativi quali ripercussioni sulle competenze relazionali, cognitive, sociali e funzionali.

La CAA (Comunicazione Aumentativa Alternativa) offre l’opportunità di conoscenze, tecniche, strategie e tecnologie che, se attivate adeguatamente, risultano in grado di facilitare la comunicazione dei soggetti con assenza temporanea o permanente di espressione verbale.

L’approccio della CAA prevede interventi da applicare in tutti i contesti e momenti di vita del disabile che ne necessiti, coinvolgendo i vari ambiti e soggetti che con il disabile si trovano ad interagire.

Per l’implementazione degli interventi complessi di CAA rivolti ai disabili, il progetto ha previsto l’apporto di un gruppo multidisciplinare, composto da Neuropsichiatri Infantili, Psicologi, Logopedisti, Fisioterapisti, Insegnanti, che hanno messo a punto inizialmente una valutazione delle abilità del soggetto correlata dall’analisi del contesto di vita dello stesso.

Successivamente è stato elaborato un percorso individualizzato di comunicazione che ha tenuto conto dei bisogni specifici,  e che ha visto coinvolti tutti i partner comunicativi e le persone considerate significative nei confronti del disabile (genitori, familiari, insegnanti,educatori, amici).

Gli interventi di CAA si sono svolti  presso la sede della ASL 4 di Prato e nei rispettivi contesti di vita del disabile, osservando i quali saranno introdotti i correttivi necessari a sostenere i cambiamenti e la crescita del soggetto e della sua rete di relazioni.

L'intervento si è concluso nel maggio 2011, con la presentazione dei risultati alla Conferenza Nazionale dell'ISAAC tenutasi a Napoli.

I PARTNERS

Il progetto è stato cofinanziato dalla Azienda USL 4 Toscana, dall'ANFASS Prato Onlus e dalla Associazione Progetto Futuro Onlus;

Hanno dato il loro patrocinio il Centro Territoriale Handicap, la Direzione Didattica 4° Circolo  e l’Associazione Or.S.A. Onlus.

NEWS

Inizia oggi alla Camera di Commercio di Prato la 6^ Conferenza Italiana sulla Comunicazione Aumentativa Alternativa:

 

[Continua...]
Notizia inserita il: mag 26, 2017
E' partito il progetto: In viaggio con Loro [Continua...]
Notizia inserita il: ago 2, 2016
Sabato 13 febbraio 2016 - Sala Consiliare Provincia [Continua...]
Notizia inserita il: feb 13, 2016

DONA ORA

Il tuo aiuto è fondamentale per sostenere i nostri progetti

 

Newsletter

Per iscriversi alla newsletter è sufficiente registrarsi.
Potete farlo seguendo questo link.

Aiutaci con il 5x1000

Puoi indicare nella dichiarazione dei redditi (CUD, 730, Unico) il nostro Codice Fiscale e la tua firma nell’apposito spazio (sostegno del volontariato, delle ONLUS).

920 765 804 86

Aiutaci, diventando socio, sostenitore o partner, offrendo un servizio, collaborando come volontario, nella organizzazione di un evento di sensibilizzazione o di raccolta fondi